2/27/2021

US finds Saudi crown prince approved Khashoggi murder but does not sanction him

www.theguardian.com Stephanie Kirchgaessner in Washington Biden administration to target ‘counter-dissident’ activity and Saudi official but not Mohammed bin Salman personally. US intelligence agencies have concluded in a newly declassified intelligence report that Saudi crown prince, Mohammed bin Salman, approved the 2018 murder of the Washington Post journalist Jamal Khashoggi – but Washington stopped short of targeting the future Saudi king with financial or other sanctions. The four-page report released on Friday confirmed the long-suspected view that the 35-year-old future king had a personal hand in the violent murder of one of his most prominent critics, a columnist and former Saudi insider who was living in exile in the US and used his platform to decry the prince’s crackdown on dissent. The assessment’s release was accompanied by further actions from the Biden administration, including the unveiling of a new “Khashoggi policy” which is set to impose visa sanctions on individuals who, acting on behalf of a foreign government, engage in “counter-dissident” activities, including harassment, surveillance, and threats against journalists, activists, and dissidents. Khashoggi confidant Omar Abdulaziz: 'I’m worried about the safety of the people of Saudi Arabia' The US treasury also issued new sanctions against Ahmad Hassan Mohammed al Asiri, the former deputy head of Saudi Arabia’s General Intelligence Presidency, who it said was “assigned” to murder Khashoggi and was the ringleader of the operation, as well as several members of the hit squad that killed the journalist. Asked whether Joe Biden had concerns about Prince Mohammed’s position in Saudi succession, the White House press secretary, Jen Psaki, said it was for Saudi Arabia to “determine the path forward on their future leadership”. “I will say that the president has been clear, and we’ve been clear by our actions that we’re going to recalibrate the relationship,” Psaki said. Avril Haines, the director of national intelligence, told NPR that the report could complicate relations in the future. “I am sure it is not going to make things easier,” she said. But even as the Biden administration was praised for releasing the partially redacted assessment, there were hints of frustration in Washington that Prince Mohammed would not face personal accountability for the grisly murder. In Saudi Arabia, the mood was said to be one of relief. In a statement, the Saudi foreign ministry said the kingdom’s government “categorically rejects what is stated in the report provided to Congress”. Senator Ron Wyden, who wrote the law that ultimately forced the report to be published, said there was “no question” in his mind that more should be declassified. He added that more needed to be understood about the Saudi royal’s relationship with Donald Trump, whom he accused of covering up the murder as part of his “transactional” relationship with Saudi Arabia. Wyden’s call for personal sanctions against Prince Mohammed were echoed by Agnès Callamard, the special rapporteur for extrajudicial killings who investigated the murder. Advertisement “The United States government should impose sanctions against the Crown Prince, as it has done for the other perpetrators – targeting his personal assets but also his international engagements,” Callamard said. The partially redacted assessment, which was released by the Office of the Director of National Intelligence and relied heavily on information gathered by the CIA, said the agencies assessed that “Saudi Arabia’s Crown Prince Mohammed bin Salman approved an operation in Istanbul, Turkey to capture or kill Saudi journalist Jamal Khashoggi”. It based the assessment on the prince’s “control of decision-making in the kingdom, the direct involvement of a key adviser and members of [the prince’s] protective detail in the operation, and [his] support for using violent measures to silence dissidents abroad, including Khashoggi”. The US intelligence agencies’ assessment – which was released at about 9pm Saudi time – also found that the prince’s “absolute control” of the kingdom’s security and intelligence organisations made it “highly unlikely” that Saudi officials would have carried out an operation like Khashoggi’s murder without the prince’s approval. Included in the assessment were several bullet points that contributed to the agencies’ findings, including that Prince Mohammed had “probably” fostered an environment in which aides were afraid that they might be fired or arrested if they failed to complete assigned tasks, suggesting they were “unlikely to question” the prince’s orders or undertake sensitive tasks without his approval. The report pointed to the fact that the 15-member hit squad that arrived in Istanbul worked for or were associated with the Saudi Center for Studies and Media Affairs at the Royal Court – which at the time was led by Saud al-Qahtani, a close adviser to the prince who claimed publicly in 2018 that he did not make decisions without the prince’s approval. “Although Saudi officials had pre-planned an unspecified operation against Khashoggi, we do not know how far in advance Saudi officials decided to harm him,” the report concluded. While Prince Mohammed has previously denied ordering the killing or having any knowledge of it, the damning picture portrayed by the new report raises serious new questions about how the newly publicised information will affect the future heir’s relationship with the Biden administration and other foreign and business leaders. One Saudi dissident living in exile compared the administration’s actions to convicting a man of murder, but then allowing him to walk out of court. Advertisement “I am disappointed, but it is early and we expect more to come,” the dissident said, adding that he believed it was now up to Congress to pass targeted sanctions against Prince Mohammed under the global Magnitsky Act. The administration’s statements also alluded to other acts by Saudi Arabia, beyond Khashoggi’s murder, in what appeared to be a nod to reports that the CIA has intervened on at least two occasions – in Norway and in Canada – to warn that dissidents and activists were possibly under threat. Tony Blinken, the US secretary of state, said: “While the United States remains invested in its relationship with Saudi Arabia, President Biden has made clear that partnership must reflect US values. To that end, we have made absolutely clear that extraterritorial threats and assaults by Saudi Arabia against activists, dissidents, and journalists must end. They will not be tolerated by the United States.” The release of the report comes more than two years after Khashoggi entered the Saudi consulate in Istanbul on a mission to retrieve papers that would allow him to marry his Turkish fiancee, Hadice Cengiz, who has since emerged as a fierce advocate for justice for her late partner. Cengiz did not immediately comment on the report but tweeted a photo of Khashoggi. While Khashoggi had been assured by Saudi officials that he would be safe inside the consulate’s walls, details later emerged – pieced together through recording and other evidence gathered by Turkish authorities – that described how a team of Saudi agents, who had arrived in Istanbul on state-owned planes for the intended purpose of killing the journalist – subdued, killed and then dismembered Khashoggi using a bone saw. In one recording, a close ally of Prince Mohammed referred to the journalist as a “sacrificial lamb”. The decision to release the report and expected move to issue further actions represents the first major foreign policy decision of Biden’s presidency, months after he vowed on the presidential campaign trail to make a “pariah” out of the kingdom. The White House’s “recalibration” of its relationship with Saudi Arabia is a major departure from the close relationship the crown prince, who is known as MBS, had with Trump, and Trump’s adviser and son-in-law, Jared Kushner. Trump defended and brushed aside the findings of his own intelligence agencies, even after it became widely known through media reports that the CIA had concluded with a medium- to high-degree of confidence that Prince Mohammed had approved the murder. Advertisement Trump was reported to have bragged to the Washington Post reporter Bob Woodward that he had protected the crown prince from congressional scrutiny, telling Woodward: “I saved his ass.” The declassified US intelligence assessment was released after it was mandated by Congress. The Trump administration had ignored the law but the Biden administration signalled early on that it would be willing to release the document. “By naming Mohammed bin Salman as the amoral murderer responsible for this heinous crime, the Biden-Harris administration is beginning to finally reassess America’s relationship with Saudi Arabia and make clear that oil won’t wash away blood,” Wyden said.

2/17/2021

Bahrain, dieci anni dalla rivolta di San Valentino: a che punto è la notte?

Caffè dei Giornalisti 14 Febraio 2021 https://www.youtube.com/watch?v=xaTKDMYOBOU La National Security Agency ha sventato e dissinnescato due bombe artigianali, il 6 di febbraio 2021, nelle località di Al Naim e Jidhafs a Manama, in Bahrain. Le autorità hanno descritto l’evento come un attacco terroristico alla Banca Nazionale del Bahrain: i due ordigni erano posizionati nei bancomat. Le indagini hanno portato all’arresto di alcuni sospetti e il paese ha chiesto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di rinnovare l’embargo sulle armi all’Iran, terminato il 18 ottobre 2020.Secondo il governo del Bahrain, gli investigatori continuano a scoprire spedizioni di armi destinate alle cellule terroristiche. Nel dicembre dello scorso anno, gli Stati Uniti hanno definito la “Saraya Al Mukhtar, o Resistenza islamica del Bahrain”, come organizzazione terroristica. La Primavera Araba in Bahrain è arrivata dieci anni fa, il 14 febbraio 2011 in un freddo pomeriggio, quando ci fu la prima manifestazione della popolazione shiita a Manama, la famosa “Rivolta di San Valentino”. Furono scontri durissimi con la polizia locale, lacrimogeni, bird-shot, proiettili di gomma e tanto sgomento da parte delle autorità. Sorprendente, per la famiglia reale Āl Khalīfa, la grande presenza delle donne: a migliaia, e per la prima volta intere generazioni di donne a rappresentare la piazza in Pearl Roundabout. Migliaia di persone hanno rischiato la propria vita o il proprio sostentamento per lottare a favore del rispetto propri diritti fondamentali e ciò che hanno subito, da allora, è inaccettabile per qualsiasi individuo o Stato che desideri promuovere i diritti umani a livello globale. Ora, queste manifestazioni o raduni non autorizzati, come spesso vengono definiti dai giornali sauditi e bahreniti locali, non ci sono più. Complice la pandemia di Covid e la violenta repressione di questi lunghi anni sulla popolazione shiita del paese, che rappresenta il 70% (una percentuale altamente istruita e politicamente attiva) le proteste non sono più in scena. Amnesty International ha definito la più bella notizia di questo famigerato 2020 la liberazione, il 9 di giugno scorso, di Nabeel Rajab, fondatore e presidente del Centro dei Diritti Umani in Bahrain. 55 anni, detenuto nella prigione di Jau dal 2016, Rajab nel 2018 aveva ricevuto una condanna a 5 anni di reclusione per alcuni tweet, nei quali alludeva ad abusi compiuti in prigione e soprattutto esprimeva critiche al coinvolgimento bellico del Bahrain in Yemen. Forte di questa decisione inaspettata del Governo, l’Associazione dei Giornalisti Bahreniti ha quindi sensibilizzato il Primo Ministro Salmān bin Ḥamad Āl Khalīfa, in carica dall’11 novembre 2020, sulle scarcerazioni dei giornalisti ancora in stato di detenzione e sul loro futuro collocamento nei media del Governo, nel rispetto dei diritto “umanitario” e certo non della libera informazione. Diversa la situazione per gli attivisti. Il 25 gennaio 2021, 16 deputati in una lettera aperta consegnata all’Alto Rappresentante dell’UE Josep Borrell hanno chiesto un ‘intervento forte” per il danese-bahrenita Abdulhadi Al Khawaja e lo sceicco svedese-bahrenita Mohammed Habib Al Muqdad, che stanno scontando l’ergastolo per aver espresso pacificamente il loro diritto alla libertà di espressione, riunione e associazione durante la rivolta della Primavera Araba del 2011. Insieme ad altri prigionieri di coscienza come Hassan Mushaima, sono stati sottoposti a torture, maltrattamenti e negazione sistematica delle cure mediche. Dal 2011 ad oggi si è assistito a un grave deterioramento dei diritti umani nel paese; sei persone sono state giustiziate in Bahrein dal 2017, cinque delle quali sono state condannate come arbitrarie dalla Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, Agnes Callamard, rispettivamente nel 2017 e nel 2019. E sono ancora 26 i detenuti nel braccio della morte. Sebbene il governo abbia rilasciato 1.486 prigionieri nel marzo 2020 a causa del COVID-19, la decisione ha escluso le centinaia di leader dell’opposizione, attivisti, giornalisti e difensori dei diritti umani, incarcerati con accuse relative alla libertà di espressione o di opinione politica, come l’ultima prigioniera politica Zakeya Al Barboori. Il DHRB – Americans for Democracy & Human Rights in Bahrain – denuncia la “continua repressione, gli attacchi alla libertà di espressione, del dissenso in Bahrain, con limitazioni all’uso dei social violando in modo netto la Press and Media Bill Drafted by the Cabinet of Bahrain nel 2019”. Questa legge è stata redatta per modificare la Press Law del 2002 e introduce il concetto di ““social media misuse”, cioè uso improprio dei social media, e sanzioni più severe in caso di violazione della legge. “Social media misuse” è un atto che minaccia la pace della comunità: può causare divisioni e indebolire l’unità nazionale. A tal fine, il disegno di legge si concentra in particolare sui reati di diffamazione, insulto, diffusione di voci e danneggiamento di individui, enti, entità e istituzioni statali. Questo disegno di legge si rivolge agli utenti indipendenti dei siti di social networking – arrivando a criminalizzare i tweet e altre attività sulle piattaforme dei media – così come i giornalisti e i direttori dei giornali indipendenti. Al-Wasat, l’unico giornale indipendente in Bahrain secondo la Bahrain Independent Commission of Inquiry (BICI), è stato costretto a chiudere nel 2017. Altri giornali hanno chiuso, pagato multe elevate e, in alcuni casi, i giornalisti sono stati costretti a scontare qualche mese in prigione per il solo motivo di condividere opinioni critiche sul governo. Il 30 maggio 2019, le autorità hanno inviato un sms a tutti i numeri di cellulare registrati del Bahrein con la minaccia di ritorsioni contro chiunque segua, sulle piattaforme dei social media, quelli che le autorità hanno definito “account pro-terrorismo”, inclusi gli account “che sono di parte o incitano discordia”. Nel gennaio 2020, il Department of Cybercrime ha interrogato diversi utenti di Twitter per aver pubblicato tweet che il Ministero della Difesa ha ritenuto pericolosi e atti a “danneggiare l’ordine generale”. Di seguito, il Ministero dell’Interno (MoI) ha quindi rilasciato una dichiarazione chiedendo agli utenti di non interagire con quegli account che, sempre secondo il ministero, violano l’ordine pubblico in Bahrain e minacciando quest’ultimi di azioni legali. La criminalizzazione dei tweet e delle attività sui social media colpisce un numero preoccupante di attivisti e giornalisti, molti dei quali sono stati “segnalati” dalle autorità per le loro attività su Twitter. Tra questi Jassim al-Abbas, lo storico e autore del blog “Years of al-Jareesh”, che è stato condannato nel gennaio 2020 con l’accusa di aver utilizzato il suo account per diffondere informazioni false. Allo stesso modo, i famosi avvocati per i diritti umani Abdullah Hashim e Abdullah al-Shamlawi sono stati condannati per il loro utilizzo di piattaforme social media, rispettivamente nel maggio 2019 e nel marzo 2020, il tutto per otto tweet tra maggio 2017 e aprile 2019, nei quali accusavano il governo di corruzione; Hashim è stato interrogato per aver condiviso notizie false, mentre Al-Shamlawi per due tweet critici sulle pratiche legate all’Ashura, la festa religiosa più importante per gli shiiti. La legge sulla stampa e sui media viola l’articolo 19 (2) dell’ International Covenant on Civil and Political Rights (ICCPR), che il Bahrein ha ratificato nel 2006. L’articolo 19 (2) afferma esplicitamente che “tutti hanno il diritto di libertà di espressione … di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee di ogni tipo, indipendentemente dalle frontiere, sia oralmente, per iscritto o a stampa, sotto forma d’arte o attraverso qualsiasi altro mezzo di sua scelta”. L’approvazione del disegno di legge sulla stampa e sui media del 2019 mostra fino a che punto il Bahrein abbia ignorato le numerose raccomandazioni che chiedono il rispetto dell’ICCPR che gli Stati hanno formulato durante il Third Cycle of the Universal Periodic Review nel 2018. La continua soppressione del dissenso e l’annullamento delle libertà in Bahrain violano la libertà di espressione e sono una violazione dei trattati internazionali. L’ADHRB invita la comunità internazionale a “sollevare pubblicamente la questione della libertà di espressione in Bahrein. Il Bahrein deve porre fine alla persecuzione de jure e de facto dei difensori dei diritti umani, dei giornalisti, dei dissidenti e degli utenti dei social media liberando tutti i prigionieri politici e modificando le sue leggi per conformarsi all’articolo 19 (2) dell’ICCPR”. Ora la parola e la decisione spettano al nuovo Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e al Dipartimento di Stato; certo, gli equilibri in Golfo Persico sono molto delicati, con il “Patto di Abramo” e l’apertura al Qatar. Finita l’era dell’ex Presidente Trump, il caso Bahrain sarà disinnescato da “ordigni” di natura politica e umanitaria, e c’è da sperarlo.

2/04/2021

In prima linea e senza stringhe: due lavori per raccontare le migrazioni, sul campo

Caffè dei Giornalisti. www.caffedeigiornalisti.it Da Lipa, terra di nessuno innevata e fredda, tra Bosnia e Croazia. Tanto se ne è parlato in queste ultime settimane, ma ben poco è stato fatto per chi cerca sicurezza e trova solo respingimenti e violenza. Uno dei tanti “border” nel mondo, in cui la via di fuga si interrompe e si ferma per settimane, mesi, anni. Così come da Briançon, Montgenevre, Claviere, nella neve con bambini piccoli sulla schiena, senza attrezzature adatte, ma con il desiderio del “passaggio a ovest”. Sono due storie di frontiera, due modi di raccontare diversi, ma i temi così attuali le rendono forti e simili. La prima è di un grande fotoreporter e giornalista, che ha raccontato più frontiere oltre che le guerre nel mondo. Livio Senigalliesi, fotoreporter, giornalista, libero docente al Dipartimento di Antropologia dell’Università Bicocca di Milano, da trent’anni documenta conflitti armati e migrazioni. Insieme a Medici Senza Frontiere, ha vissuto un anno tra Turchia e i Balcani, seguendo le vie di fuga, i passaggi di persone in ombra: «Di Lipa ce ne sono tante: sono stato testimone di tutto ciò, più volte, sotto molti cieli e mari. A Lesbos, nel 2016, ero con la Sea-Watch, contavamo più di 60-70 navi dalla costa turca e in Grecia ne approdavano forse poco più della metà. E mi sono sempre chiesto: “E gli altri? Chi conterà mai quelli che non sono approdati su una costa, quelli in mare?”». Situazioni drammatiche, gente trattata non come esseri umani alle porte dell’Europa e in Europa. I migranti, oggi più che mai, sono oggetto di miseri ricatti e violenze inaudite, un problema che viene gestito con grande cinismo e una “cercata” disinformazione. «La polizia croata, quando ti ferma, spacca il tuo telefono, così che non puoi più comunicare coi tuoi familiari e non puoi chiedere aiuto, prende ogni cosa in tuo possesso e, se sei fortunato, te la cavi con tanti lividi e qualche ferita», racconta Senigalliesi. «La mia direzione è ostinata e contraria. Non ho mai chiuso gli occhi: bisogna studiare, parlare e andare sul campo per documentare. Sono andato nei Balcani nel ’91 e ci sono tornato per dieci anni, sempre in prima linea: prima in Croazia, in Bosnia e, infine, in Kosovo ,dove sono entrato nel 1998, un anno prima della guerra, per documentare le vie dei narcotrafficanti. Sono rimasto fino al termine del conflitto, nel 1999. Una tragedia umana alle porte dell’Europa: ho condiviso con loro la guerra e raccontato le ragioni dell’uno e dell’altro, ho provato la sofferenza, la fame e la paura dell’assediato, ho guardato negli occhi la violenza dell’assediante e, infine, la pace e la ricostruzione. Il mio libro, Diario dal Fronte, parla della vita di un reporter: sangue, urla, esplosioni e incendi e tante riflessioni sulle conseguenze della guerra. Un libro scomodo, che rivela le notizie nascoste dai media mainstream, per i fatti e i nomi riportati. Proprio per questo lavoro il Tribunale dei Crimini di Guerra dell’Aja ha deciso di acquisire il testo e di avviare delle indagini». La “prima linea” di Livio Sinigalilesi è diventata un documentario prodotto e pronto per la distribuzione dal 2020, ma il Covid ha fermato tutte le proiezioni nelle sale. In Prima Linea – On The Front Line è un documentario con la regia di Matteo Balsamo e Francesco Del Grosso, prodotto da Giotto Production in collaborazione con Merry-Go-Sound. Gli interpreti sono 14 fotogiornalisti italiani: Isabella Balena, Giorgio Bianchi, Ugo Lucio Borga, Francesco Cito, Mauro Galligani, Pietro Masturzo, Gabriele Micalizzi, Arianna Pagani, Franco Pagetti, Sergio Ramazzotti, Andreja Restek, Massimo Sciacca, Francesca Volpi e Livio Senigalliesi stesso. Il fronte è raccontato attraverso l’obiettivo di questi fotoreporter che, con i loro scatti, hanno mostrato l’inferno, gli orrori, le sofferenze e le cicatrici indelebili della guerra. Molte di queste immagini raccontano i “border”: tendopoli, campi, vite di persone normali fermate su una linea immaginaria. Perché la prima linea non è solo dove si spara e cadono le bombe, ma ovunque si “combatte” quotidianamente per la sopravvivenza. «La preparazione di un viaggio è una missione che dura anche dei mesi ed è fondamentale: allenamento fisico, essere in forma, e poi studiare, studiare, studiare… Capire la burocrazia di guerra, la logistica e mai diventare un “turista di guerra”. La fotografia diventa l’atto finale del lavoro straordinario che c’è a monte di tutto questo». Frontiera italo-francese: non sono migranti ma frontiere in cammino. Il cambio di rotta non scoraggia la loro forza e resistenza. «Noi stiamo viaggiando da due anni, arriviamo dalle montagne di là, da Kabul. In Italia, siamo arrivati a piedi una settimana fa e ora continuiamo, a piedi». Così racconta uno dei ragazzi incontrati sul Colle da Andrea Pellegrini. «Le frontiere diventano incomprensibili, senza aver chiara l’origine dei vari cammini: la rotta balcanica, il Mar Mediterraneo centrale, i mercati del lavoro forzato e le richieste europee. Le frontiere si modellano, si ripetono e si diversificano ma presentano tutte una caratteristica isomorfa: la politica del consenso interno oltre che strutturale». E proprio queste storie sono condensate in un lavoro intenso, giovane e ben raccontato: si chiama Senza Stringhe e fotografa la notte, e ciò che accade su un confine. Elena Lovato, Federica Tessari e Andrea Pellegrini sono stati coordinati dal fotoreporter professionista Stefano Stranges: sono i giovani giornalisti che hanno realizzato il documentario. C’è anche una storia a riguardo delle stringhe: Elena Pozzallo vive a Oulx, ha accolto un ragazzo del Camerun che oggi gestisce il Rifugio Solidale del posto contenente principalmente scarponi senza stringhe, facili da indossare per chi non ha mai visto la neve e deve affrontarla. «Scomodo è una realtà editoriale nata nel 2016, a Roma, in un liceo, e proseguita coinvolgendo diversi atenei italiani». Forte dei suoi studi in Cooperazione Internazionale, Federica parla della redazione: «Siamo quasi tutti venticinquenni e, ormai, oltre 500 sono gli attivisti e collaboratori. Il nostro è un mensile di 80 pagine, cartaceo, che viene distribuito nelle librerie gratuitamente: viviamo di autofinanziamento e riceviamo aiuti da Banca Etica, Green Peace, Treccani e Teatro India. Torino e Milano sono molto attive e il lavoro di redazione ci appassiona molto. Molti di noi collaborano anche sul sito web». Elena Lovato è l’ufficio stampa di Scomodo, sta terminando gli studi in Biologia: «Emotivamente questa esperienza è stata molto forte: vedere la gente tra la neve – come quella notte, erano in nove persone e una aveva in braccio un bambino di 12 giorni – scattare foto, parlare con loro… Il versante italiano è molto silenzioso, quello francese più attivo, vitale. L’ONG Médecins du Monde interviene sempre e salva la gente che attraversa quei sentieri». Stefano Stranges ha lavorato per tutto il mese di dicembre 2020 sulla frontiera italo-francese con i ragazzi: «Quando mi hanno chiamato dalla redazione, a ottobre, sono stato disponibile da subito, ho formato al fotoreportage tre giovani giornalisti e poi li ho trasferiti sul campo: tra la neve, il freddo, l’umanità che non si arrende e che vuole vivere a costo della propria vita. Sono contento di loro e del lavoro che hanno svolto di notte e di giorno, con grande impegno». «L’idea di sviluppare un fotoreportage che portasse la firma di Scomodo nasce dall’esigenza di sperimentare nuove forme di scrittura e di approfondimento giornalistico. In particolare, la scelta dell’argomento si è presentata quasi naturalmente: da un lato, per cercare di colmare un vuoto mediatico riguardante il fenomeno della migrazione transalpina e, dall’altro, per una sensibilità propria e specifica che caratterizza la redazione torinese, considerata la vicinanza territoriale al fenomeno stesso». Così, al termine di Senza Stringhe, la redazione spiega il progetto: che non è solo vicinanza territoriale ma attenzione umanitaria. Quella “mossa” sul campo che ai giornalisti non dovrebbe mancare mai.